lunedì 30 maggio 2011

Sole, casette, e alberi di feltro. Un bel regalo!



Ebbene si ormai siamo giunti alla fine dell'anno scolastico, e per Gloria è l’ultimo anno alla scuola dell’infanzia.
Tre anni bellissimi, ricchi di esperienze emotive, affettive, ludiche e cognitive.
Gloria si è inserita sin dai primi giorni senza mai versare una lacrima, sempre piena di gioia e di entusiasmo.
Due straordinarie insegnanti l’hanno accompagnata nella crescita personale, valorizzando le sue qualità, offrendo gli stimoli adatti ai suoi interessi, contenendo a volte la sua esuberante natura propositiva, ma non sempre in linea con i bisogni dei suoi coetanei, e soprattutto con l’organizzazione didattica!hehe!
Ringrazio le maestre per il loro amore, il loro sorriso, la loro autorevolezza, ringrazio per aver offerto alla mia bambina un ambiente creativo ,stimolante e accogliente.

Non solo tre anni di giochi ma, tre anni di apprendimento attraverso il gioco.

Spling … mi vien da piangere!

Insomma per queste due maestre straordinarie, volevo lasciar loro un ricordo, un oggetto che potesse servire per gli anni successivi, e che le diverta nell’utilizzarlo. Così ho pensato al bellissimo lavoro realizzato da  il sorriso dei miei bambini  Vedere con le mani.

Dal momento che ho visto questo gioco, me ne sono letteralmente innamorata. Lo trovo uno strumento per chi insegna a casa o a scuola utilissimo. Non solo per giochi tattili, al fine di sviluppare area sensoriale, ma una vera scatola delle sorprese.
Può diventare un contenitore per oggetti significativi da proporre quel giorno.
Oppure può contenere delle tessere con le immagini, per inventare una storia, oppure delle carte fonetiche, un libricino da leggere.

Insomma quest’oggetto può essere utilizzato in svariati modi.

Ho realizzato tre modelli. Oggi vi presento il primo.










Che ne dite?
Come primo lavoro con il pannolenci, mi sento soddisfatta.

Domani vi farò vedere il secondo modello ... con un draghetto ...






12 commenti:

  1. Dico che è meraviglioso, che tu sei veramente bravissima e che non vedo l'ora di vedere il draghetto... Te lo copierei... Se solo fossi minimamente in grado!

    RispondiElimina
  2. Bellissima idea e complimenti per la realizzazione, non sembra per niente il tuo primo lavoro con il pannolenci, complimenti

    RispondiElimina
  3. ricordo la versione di mammasorriso...è bellissimo anche il tuo soprattutto mi piace come dono per le maestre.son curiosa di vedere l'altro

    RispondiElimina
  4. @6cuori: ti consiglio di fare prima il disegno in un cartoncino, e poi il lavoro di ritaglio del pannolenci è molto più facile
    @kemate: benvenute!e grazie!Molto interessante il vostro blog, non che la vostra iniziativa.
    @Valeria: grazie, infatti alle maestre è piaciuto molto, in realtà è stato un regalo nel regalo, nel senso che dentro c'era il regalo da parte di tutti i bambini della classe.

    RispondiElimina
  5. CHE MERAVIGLIA! Ti è venuto benissimo! E quanti particolari! Simpaticissimo il sole che spunta! Fortuna che è il primo lavoro!!! Ciaooo Pia
    ps
    Mi firmo anonimo perchè explorer non funziona ancora!

    RispondiElimina
  6. @ciao anomina Pia, ma grazie! :-)))

    RispondiElimina
  7. Che brava!! Complimenti!
    Felicissima di averti appena "scoperta"

    Un abbraccio

    Marika

    RispondiElimina
  8. Sabrinaaaa ma tu ci sei su facebook? ;)

    RispondiElimina
  9. Sabrina...ma sono stupendi!!! bravissima, sono contenta che siano piaciuti...in effetti sono molto orgogliosa di questa mia idea che si presta a così bei giochi. E spero che saranno felici anche i bambini della scuola che li riceveranno.
    baci

    RispondiElimina
  10. @grilloperlatesta:bentornata!e grazie!
    @mammavolipindarici: benvenuta! le tue visite mi fanno molto piacere.Ti aspetto ancora!
    @stella: ok ho capito, devo crearmi una pagina FB, non si può più continuare senza, anche se non sò dove troverò il tempo di seguire tutto!
    @mammasorriso: ti aspettavo!La tua idea è geniale, e si può utilizzare per molteplici attività!

    RispondiElimina

Lasciate qui un vostro commento