venerdì 30 maggio 2014

La matematica con il corpo





Il primo canale di apprendimento nella scuola dell’infanzia è quello corporeo. I bambini imparano meglio, e più in fretta se si da loro la possibilità di sperimentare attraverso un’esperienza corporea e quindi emozionale.
Sappiamo quanto è importante il tatto, la vista, il gusto ecc ecc, in una società in cui i bambini hanno sempre meno la possibilità di giocare all’aperto, spazi adeguati a loro e soprattutto di potersi sporcare.
Insomma queste due ricercatrici hanno ben pensato e realizzato un libro ricco di attività per l’apprendimento della matematica nella fascia di età 5 -6 anni.
Il loro approccio è proprio esperienziale, attraverso il racconto di una storia, ambientata in un castello, utilizzando materiale semplici, gli apprendimenti si srotolano attraverso giochi e attività motorie.
Il corpo quindi diventa uno strumento, utile per imparare una materia come la matematica.
Il libro si suddivide in 14 unità, con schede di verifica per il raggiungimento degli obiettivi, inoltre ci sono suggerimenti per realizzare attività’ d’integrazione con bambini disabili.

E' un bel libro non ci sono schede, se non appunto quelle di verifica, e quindi lo consiglio a chi vuole dare un impronta iniziale diversa alla matematica.

Questo libro partecipa al venerdi del libro

 
Ti potrebbe interessare anche la lettura di:
chi me l'ha fatta in testa?
dolci parole
mai-e-poi-mai-mangero-i-pomodori
arturo-e-gli-uccelli-e-la-nostra mangiatoria
topo-timido
che-rabbia
libro-tascabile-una-streghetta-in-volo
 

6 commenti:

  1. Mi piace questo modo di avvicinarsi alla metematica, me lo segno per l'estate in vista dell'inizio della primaria della mia più grande.

    RispondiElimina
  2. Ma che carino! Molto stimolante.. per imparare divertendosi.

    RispondiElimina
  3. Erickson propone sempre dei titoli interessanti. Questo mi incuriosisce molto.
    Ciao e un abbraccio :)

    RispondiElimina
  4. Cara sono contenta che hai ripreso a scrivere con assiduità, verrò a trovarti più spesso! Bello questo libro me lo segno :-)

    RispondiElimina

Lasciate qui un vostro commento