venerdì 9 maggio 2014

Le madri non sbagliano mai








Il Titolo di questo libro le madri non sbagliano mai mi ha incuriosito molto, letto in un momento in cui avevo bisogno di certezze, di conforto, di quella parola o lettura che desse conferma alla mamma che è in me di essere nella strada giusta.
Non ho trovato quello che cercavo, ma comunque la lettura è stata interessante, ricca di riflessioni e spunti da cui partire.

“Molte donne, per mancanza di conoscenza, eccessivo attaccamento alle tradizioni superate o, al contrario per troppo intellettualismo, possono sbagliare, ostacolando, sminuendo o addirittura bloccando il rapporto pedagogico che definisce la compatibilità figlio genitore”.

L'autore riconosce che siamo noi  mamma che ci accorgiamo per prime dei disturbi dei figli, che siano delle piccole disfunzioni organiche, ritardi di sviluppo, anche se lievi, o disturbi psicologici della crescita.

“Le madri anche senza parlare trasmettono tutto al figlio, non solo fino all’adolescenza ma per tutta la vita; devono pensare al figlio in senso positivo altrimenti egli se ne accorgerà”.
La madre comunque sa adattarsi più facilmente del padre alle diversità temperamentali, e riesce a modificarsi in base alla necessità.

Bollea fa distinzione tra le varie mamme che ha incontrato nel suo percorso di vita, e le suddivide così:
madre ansiosa, niente da aggiungere …lo dice la parola stessa!

madre disforica: caratterizzata da cambiamenti di umore, questo provoca bambini insicuri, instabili, e con un velo di tristezza.
La madre ossessiva e perfezionista, specie se intellettuale, controlla la propria emotività, poco spontanea, pensa la figlio come un dovere.

La madre troppo passiva, permissiva, vista dal bambino come assente.

La madre iperattiva, caotica, sicuramente stimolante, ma allo stesso tempo inibente nei confronti del bambino perché poco strutturata e a volte immatura.

La madre diva, narcisista, considera il partner e il figlio un ornamento
La madre chioccia quella che pensa a tutto e a tutti.

La madre turbo, simile alla madre caotica, ma piena di gioia, salute, e trova il positivo in tutto.
La madre saggia, sa attingere sia dalla tradizione (materna) che dalle informazioni del periodo, portando modifiche solo in parte, da quello che le è stato insegnato da sua madre.

E’ un libro interessante descrive tutti i membri della famiglia, le dinamiche che sorgono nelle relazioni, parla di fiducia in se stessi e autostima, ma il termine più ricorrente in tutto il libro è l’ASCOLTO.

Questo libro partecipa a venerdi del libro




 

3 commenti:

  1. Questo libro ce l'ho anche io, l'ho letto un bel po' di tempo fa e come mi pare che abbia inteso dire tu, in realtà è diverso da come potrebbe sembrare dal titolo, ma anche dalla presentazione... in ogni caso offre davvero un sacco di spunti su cui soffermarsi ^_^

    RispondiElimina
  2. Mi è capitato sotto gli occhi e il titolo ha incuriosito anche me...adesso so anche qualcosa sul contenuto e sembra interessante. grazie del suggerimento.

    RispondiElimina

Lasciate qui un vostro commento