venerdì 31 gennaio 2014

Filastrocche sui gruppi consonantici


 




Il libro di cui vorrei parlare oggi è scritto da Rossella Grenci e Antonio Spina, Filastrocche sui gruppi consonantici

Grazie al meraviglioso blog di Rossella ho conosciuto il suo libro che contiene numerose filastrocche, giochi e attività.

Le filastrocche presenti nel libro tengono conto delle difficoltà che incontrano i bambini nella lettura dei suoni "difficili" come dice la maestra di Gloria, cioè quei gruppi consonantici a volte così ostinati ad uscire dalla bocca o ... dalla penna!!!

La scelta dell'utilizzo della filastrocca viene utilizzata come strumento terapeutico.

Molti bambini  con disturbi specifici dell'apprendimento ( e non), si ritrovano ad arrancare nella traduzione di segni grafici , e come spesso accade scoraggiandosi per i pochi risultati ottenuti nonostante l'impegno.

L'obiettivo è quello di innescare la motivazione, cercando di suscitare interesse nel bambino verso il testo scritto, la filastrocca in questo senso è un valido aiuto perché fa parte della lingua parlata.

Le filastrocche poi sono legate a esperienze emotivamente gratificanti, rassicuranti , le nonne o le mamme da sempre utilizzano questi suoni ritmati, spesso con assurdi accostamenti concettuali, ma che fanno ridere.

Nella seconda parte del libro troviamo le parole incontrate nella lettura delle filastrocche, e l'apprendimento avviene proprio attraverso il gioco di parole creando una "banca dati".

Si troveranno anche esercizi che permettono di unire la lettura alla scrittura ecc ecc. potete sfogliare il libro qui .

Insomma questo libro lo utilizzo molto volentieri e lo considero un ottimo strumento per consolidare alcuni concetti utili per un avvio o una ripartenza attraverso il mondo dei segni grafici e della lettura.

Con questo libro partecipo al venerdì del libro

 

5 commenti:

  1. Me lo annoto, per quando in nanetto arriverà alla fase giusta!!!
    Buon pomeriggio ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un ottimo strumento da utilizzare con i bambini!

      Elimina
  2. Siamo nel periodo giusto. Ne prendo nota!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania, quando leggo le filastrocche alla grande (8 anni) le sente anche la piccola (5 anni)e confido che questo esercizio di ascolto "mirato" possa giovare anche a lei!

      Elimina
  3. Non è ancora il momento ma mi sembra un ottimo consiglio!

    RispondiElimina

Lasciate qui un vostro commento